//
you're reading...
social media

facebook e altre storie

Sono molti oggi quelli che non hanno facebook, ma in sintesi possiamo dire che ce l’hanno tutti. Insomma anche mia madre ormai condivide, chatta, commenta e clicca “su mi piace”.

Cosa accadrà dopo?

Osannato come strumento di controllo e fenomeno telematico di dietrologia dell’fbi e ricettacolo di “bimbiminkia” che destano l’attenzione di allarmati sociologi/opinionisti improvvisati di Mediaset, facebook se usato in modo corretto, può anche essere uno strumento importantissimo di lavoro.

In politica: In Italia è servito anche a “movimentare” (fino a che punto?) i processi di opinione  politica come stiamo osservando per il Referendum più temuto della storia: Sì, sì, sì,sì sono oramai diventati lo slogan di una partecipazione democratica (maggiormente giovanile) che sembrava assopita. Vedremo.

Quando la povera Hillary Clinton pochi anni fa in campagna elettorale veniva presa in giro (“cosa dice quella vecchia con le rughe”) perché sosteneva che i politici avrebbero ben presto dovuto prendere atto della facebook era (vedi questo interessante articolo) in Italia paradossalmente il più evoluto (in questo senso, ma non troppo) tra i politici era brunetta (ma in questo caso non aggiungerò alcun link).

you are a "supporter"

Detto questo abbiamo ben compreso che facebook con tutti gli altri social media (e facebook è un antonomasia anche perché non sono da meno twitter o delicious) è uno strumento che hanno i singoli per promuoversi, non solo per giocare al rimpiattino con gli amici.

Fb è un esempio di come la tematicità sia una componente fondamentale della nostra epoca: essere troppo eclettici, non seguire un filo conduttore preciso in quello che si pubblica e si pubblicizza non giova di sicuro al numero di visite e contatti.

Se ci pensate è fondamentale per essere più visibili, per svariate ragioni:

1. Io stessa farò meno fatica a seguire o a pensare un determinato bacino tematico (es. cucina e ricette) in poche parole diventerò una specie di guru del mio settore con un pubblico affezionato, e il mio pubblico sarà il mio specchio: andrò negli altri blog, sbircerò imiterò o innoverò e così via.

2. Anche per chi è sprovvisto di blog o di un account su una piattaforma qualsiasi è più facile trovare un blog tematico, o un azienda che si occupa di una cosa specifica piuttosto che cercare direttamente un sito: basta inserire la parola “sformato di cavolfiori al vapore” per trovare ciò che si cerca in una settorializzazione ipertrofica.

In italia ci sono pochi blog tematici, tuttavia questo è un esempio mirabile di come l’ambiente web stia profondamente cambiando http://www.blogo.it/.

Ma tornando all’opera zuckembergeriana: quello che mi preme sottolineare è l’interattività, l’uniformazione delle idee, il passaparola, e la possibilità di captare quei segmenti tematici in cui le singole persone sono collocate, raggiungerle facilmente e piazzare il prodotto qualunque esso sia (scarpe, borse, locali di jazz music, laboratori teatrali).

Annunci

Informazioni su clare_lemmon

power of individual speech

Discussione

2 pensieri su “facebook e altre storie

  1. Sono pienamente d’accordo sull’effettiva utilità dei social network ma mi preme sottolineare, come da te accennato, che facebook in particolare non è proprio il più adatto nonostante sia il più utilizzato.
    In effetti non ho mai capito perchè questo fenomeno informatico della fama del peggiore continui a crescere.

    Pubblicato da Stefano | 12 maggio 2011, 11:23
    • perché è facile, ma sopratutto perché è il più conosciuto; altri faticano ad emergere su larga scala perché non è facile portare una massa così grande di contatti da un social network a un altro! però tutto sommato se questo serve a farli specializzare in certi settori professionali (mi pare linkedin)tanto meglio!

      Pubblicato da clare_lemmon | 17 maggio 2011, 12:44

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: