//
you're reading...
blogosfera

Eh?

Un blog e una legge del 1948. E una condanna per stampa clandestina. Non sentivo parlare di stampa clandestina quando due anni fa ho dovuto dare un esame di storia di comunicazione del regime fascista. Eppure questo signore qui, giornalista/blogger, Carlo Ruta, ragusano, ha dovuto fare i conti con la sentenza emessa dal tribunale di Ragusa, una sentenza che equipara un blog a una testata giornalistica, pertanto avrebbe dovuto essere registrato. L’articolo del 26 maggio apparso sul corriere descrive il blog come ” «accadeinsicilia», sito di documentazione storica e sociale diffuso via internet dal 2001 al 2004, Ruta ha documentato vicende di malaffare e di connivenza tra politica, mondo degli affari e criminalità organizzata”; in una regione che ha bisogno di blog, viene tirata fuori l’accusa di stampa clandestina, io non lo trovo affatto giusto, e senza andare a pescare dietrologismi senza documentazioni vi posto qui l’intervista a Carlo Ruta.

Annunci

Informazioni su clare_lemmon

power of individual speech

Discussione

3 pensieri su “Eh?

  1. Leggendo questo post mi è venuto da sorridere, prima reazione al termine “STAMPA CLANDESTINA”. Qui si rasenta il ridicolo, un blogger non è necessariamente un giornalista e non credo che un blog debba essere registrato per forza.Spesso chi denuncia è un personaggio scomodo che combatte contro forze troppo grandi e troppo ramificate. Credo che necessitano di una maggiore tutela in un Paese dove spesso tutto è il contrario di tutto

    Pubblicato da Daniele Longo | 3 giugno 2011, 12:12
  2. Questa notizia mi lascia sconcertata, abbiamo una macchina del tempo per tornare a parlare di stampa clandestina? Sostengo, e lo farò sempre, la libertà di parola anche quando questa si scontra contro il Potere. Ci vuole una più forte tutela di chiunque ha il coraggio di scrivere la verità, oppure non siamo più in democrazia.

    Pubblicato da Rita Coruzzi | 5 giugno 2011, 17:02
    • sacrosanto diritto di cronaca e diritto di esprimersi di qualsiasi cittadino, dove siete? il primo se l’è mangiato il sistema oligopolista mediatico italiano, il secondo l’albo dei giornalisti!

      Pubblicato da clare_lemmon | 8 giugno 2011, 15:33

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: