//
you're reading...
web journals

Signori e signore buonanotte

Gente in gamba quella che lavora nei quotidiani. I giornalisti. Non si immagina neppure che razza di trafila ha dovuto superare un giovane aspirante al mestiere, pazientemente, per diventare solo “pubblicista”.

  • Lavoro gratuito, altrimenti detto “stage”
  • lavoro gratuito altrimenti detto, “collaborazione” ( in entrambi i casi il soggetto farà meglio ad attrezzarsi di sacco a pelo)
  • articoli non pagati
  • articoli mal pagati
  • responsabilità di ogni genere senza riconoscimenti

E vabeh che per due anni la legge italiana dipinge la povera cavia da redazione, ormai fonduta con il computer che ha davanti, come un ragazzotto rampante che ha ancora da imparare, ma così non è.

Alcuni, io per esempio, passano da uno stage a un altro alla ricerca della collaborazione che, almeno si spera, riconosca la validità degli articoli tramite una piccola retribuzione. Ma molti non pagano e a farne le spese sei tu, o io, o comunque una cavia qualsiasi. Così l’impostazione al lavoro c’è già, spesso non si deve imparare proprio nulla.

“Non so come abbia fatto X a resistere questi due anni” senza gratificazione personale, aggiungerei, senza un contratto di assunzione, nulla. La legge parla chiaro: 3 articoli in un mese, retribuiti (minimo 5 euro), riconosciuti, per due anni continuativamente (e cioè se per caso non si scrive da 31 giorni verranno persi anche quegli articoli che erano stati riconosciuti in precedenza).

Quando poi dopo due anni si vorrà diventare professionisti, beh o si fa una scuola (se non si è fatta in precedenza) che abiliti all’attività (dietro adeguato compenso) o direttamente l’esame nazionale(per un attività che potrebbe svolgere qualsiasi cittadino) sempre se si è già pubblicisti; ma un corso in giornalismo all’università non servirà proprio a nulla, solo ad aprire nuovi stage. Io pensavo: “meglio fare gli hamburger in piazza mercato a Foggia” almeno so cosa aspettarmi.

Annunci

Informazioni su clare_lemmon

power of individual speech

Discussione

Trackback/Pingback

  1. Pingback: In vista dell’esame « L'AltroParlante - 7 giugno 2011

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: